Arriva Sophia junior!, la filosofia per i bambini

La quarta edizione di Sophia – la Filosofia in festa porterà nelle scuole primarie di Pietrasanta un progetto sperimentale per avvicinare i bambini alla filosofia

Il logo di Sophia junior!

Tante e importanti le novità della nuova edizione di Sophia – la filosofia in festa, che anche nel 2019 riunirà a Pietrasanta alcuni dei più importanti filosofi e protagonisti della cultura con incontri di massimo livello che si terranno il 16 e 17 novembre.
Quest’anno, infatti, il festival coinvolgerà anche i più piccoli con Sophia junior!, il progetto didattico destinato alle scuole primarie per avvicinare in maniera semplice i bambini alla filosofia. La finalità è quella di creare familiarità con la figura del filosofo e stimolare i più piccoli a utilizzare la mente in maniera attiva, quale strumento di analisi e di ragionamento. Niente di difficile: Sophia junior! si basa sul gioco e la creatività ed è realizzato proprio per essere alla portata dei più piccoli. Alessandro Montefameglio, direttore del festival, introduce così la nascita del progetto:

Siamo felicissimi di annunciare un appuntamento come Sophia Junior! e di portare la filosofia tra i banchi delle scuole primarie. È un compito tanto originale quanto ardito. La filosofia è comunemente pensata, infatti, come una disciplina avanzata da affrontare nella forma di una storia della filosofia. Questo, innanzitutto, perché si ritiene che studenti più giovani – bambini in primis – non posseggano ancora gli strumenti intellettuali per affrontare le grandi domande del pensiero. Noi crediamo, invece, che coinvolgere con leggerezza, gioco e semplicità, con strumenti facili, genuini ed educativi un bambino in alcune delle grandi e piccole domande della filosofia, sia un esercizio sano e divertente.

Sophia junior!, che quest’anno sarà sviluppato in versione sperimentale sul territorio di Pietrasanta, si divide in quattro semplici fasi: si parte con Socrate, la civetta filosofo, mascotte del progetto e protagonista di un fumetto, che spiegherà ai bambini cosa sia la filosofia e li inviterà a vestire i panni del filosofo per scoprire cosa sia il tempo, tema della quarta edizione di Sophia. Nella seconda fase, gli alunni cercheranno di sviluppare il concetto di tempo con il ragionamento e la deduzione, analizzandone i significati più diversi, mentre nella terza fase lo rappresenteranno attraverso un disegno, utilizzando tutta la loro fantasia per dare una forma concreta ai loro ragionamenti. La quarta, ultima fase vedrà i disegni protagonisti di una mostra allestita nel suggestivo scenario del Chiostro di S. Agostino, dove il pubblico potrà ammirare il lavoro dei novelli filosofi e osservarne il percorso logico e creativo. Conclude il direttore del festival:

Non è forse da Platone che il nostro Pascoli riprende la celebre immagine del fanciullino, per cui dentro ciascuno di noi esisterebbe la voce di un bambino in grado di interpretare poeticamente il mondo, superando i mezzi della ragione che ancora non possiede? Ebbene, è a un fanciullino filosofico che Sophia si rivolge. La prima di tutte le domande filosofiche per Heidegger era perché esistano le cose piuttosto che il nulla. Sfido, senza sminuire Heidegger: questa è una domanda che anche un bambino è in grado di porsi.

Sophia junior!, inoltre, arricchirà il festival portandone la durata da due a tre giorni. La mostra espositiva, infatti, sarà inaugurata venerdì 15 novembre e resterà aperta al pubblico fino a domenica 17 novembre, giorno in cui terminerà la quarta edizione di Sophia. La partecipazione a Sophia junior!, come tutto il festival, è completamente gratuita.
Il progetto, che in fase di presentazione ha già stimolato l’interesse di dirigenti scolastici e insegnanti della “Piccola Atene”, è realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Pubblica istruzione e con l’Assessorato alla Cultura di Pietrasanta.

Vai alla pagina del progetto