MASSIMO MORI, LA FILOSOFIA MODERNA A SOPHIA 2018

Nei suoi studi si è interrogato su questioni come la guerra, la libertà e la felicità. Tra i protagonisti della terza edizione del festival, affronterà la questione della coscienza nella filosofia moderna.

 

Massimo Mori durante una conferenza presso la Fondazione Collegio San Carlo (immagine: FSC)

Se da un lato siamo abituati a guardare alla Storia come a un insieme di eventi politici, religiosi, culturali e sociali (con un significato che forse si avvicina a quello tedesco di Historie), da un altro siamo meno soliti osservarla dal punto di vista delle idee che la riguardano e della loro evoluzione. Anche di questa questione si fa carico la filosofia, che tra le sue infinite indagini cerca di individuare nella trasformazione dei concetti i segni e i riflessi dell’esistenza umana, aiutandoci a scoprirne le caratteristiche, le dinamiche e – guardando oltre – il loro senso e significato. Ed è proprio alla storia delle idee e del pensiero filosofico che è dedicato il percorso scientifico di Massimo Mori, Professore emerito di Storia della Filosofia presso l’Università di Torino e tra i relatori della terza edizione di Sophia – la Filosofia in festa.

Laureatosi in Filosofia nel 1971 sotto la guida di Nicola Abbagnano, direttore responsabile della Rivista di filosofia (fondata nel 1909, la più antica d’Italia), con una cospicua produzione editoriale comprensiva di saggi e manuali, fin dall’inizio della sua carriera Mori rivolge le sue attenzioni alla Filosofia della storia e alla filosofia tedesca. Due idee che affronta in La ragione delle armi: Guerra e conflitto nella filosofia classica tedesca (1770-1830) (Il Saggiatore, 1984) e che chiamano necessariamente in causa la questione della libertà, affrontata in Libertà, necessità, determinismo (Il Mulino,2001) e Libero arbitrio: storia di una controversia filosofica (Carocci, 2014) sono la guerra e la libertà. Nonostante guardi con particolare interesse a due fondamentali protagonisti della filosofia classica tedesca e oltre, Kant e Nietzsche, allo studio dei singoli autori oggi Mori continua a preferire quello dello sviluppo e della trasformazione dei concetti.

Per la prima volta a Sophia, Massimo Mori terrà una lectio magistralis domenica 18 novembre 2018, durante la seconda giornata del festival.

Biografia